Assitek Business Community

le novità utili alla rete dei nostri partner

Smart Working from A to Z

Il lavoro agile spiegato alle aziende, 6 Giugno 2019

Assitek e A.p.s. On/Off ti invitano a un incontro informativo gratuito rivolto a PMI, startup e grandi aziende, interessate a capire vantaggi e svantaggi del lavoro agile e come attivare concretamente un progetto di smart working, all’interno della propria azienda.
Dopo una panoramica sui diversi aspetti normativi che regolamentano questa pratica lavorativa, a cura di Federico Bianchi di Smart Working Srl, avremo il piacere di ospitare alcune testimonianze di imprenditori e lavoratori del territorio che hanno deciso di adottare o usufruiscono in prima persona dello smart working.

L’iniziativa rientra nel programma di Business Community intrapreso da Assitek per la formazione e l’orientamento sui temi più attuali di Digital Transformation.

IL PROGRAMMA DEL 06/06/2019:

h 09:30
Accoglienza e registrazione

h 10:00
“Avviare un progetto di Smart Working in azienda” | Federico Bianchi di Smart Working Srl

h. 11:00
Pausa caffè e tour degli spazi di Officine On/Off

h. 11:15
“Le testimonianze: ho adottato / usufruisco dello smart working perché…”

h. 12:15
Domande e risposte

LA LOCATION:

OFFICINE ON/OFF si trova in Str.da Naviglio Alto 4/1 – 43122 Parma
CONTATTI: email sales@officineonoff.com, telefono +39 327 595 74 57 (Eleonora Conti)

APPROFONDIMENTI:

“Il lavoro agile (o smart working) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione
per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro;
una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività”.
(Fonte: www.lavoro.gov.it)

Il 14 giugno 2017 in Italia entra in vigore la Legge n.81/2017, che per la prima volta definisce, introduce e legittima il fenomeno smart working
in quanto modalità lavorativa che permette al lavoratore dipendente di autogestirsi spazi e tempi di lavoro lavorando per obiettivi e ragionando in termini di produttività e non più di orari e giorni fissi.

A fine ottobre dello scorso anno, l’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano registrava l’esistenza di 480.000 smart worker in Italia, distribuiti tra il 56% delle grandi aziende, l’8% delle PMI e l’8% delle P.A presenti sul territorio nazionale.

In realtà, già nel 2014 il Comune di Milano istituiva la “Giornata del Lavoro Agile”, alla quale aderivano 104 tra enti e aziende, permettendo ai propri dipendenti di lavorare da casa, dagli (allora) oltre 40 spazi di coworking della città o da qualsiasi luogo si sentissero più comodi e agevolati per svolgere le proprie attività quotidiani. L’iniziativa è stata successivamente replicata in altre province lombarde, in Piemonte, in Veneto e nella città di Roma.

Ad oggi i numeri e i volumi saranno sicuramente aumentati (la Giornata del Lavoro Agile, ad esempio, è diventata un’intera settimana) ma riteniamo che ci sia ancora tanta strada da fare, soprattutto a livello locale, sia in termini di informazione e orientamento delle aziende sulle opportunità dello strumento smart working, sia sulla misurazione dell’impatto generato non solo sulla vita e produttività della singola azienda, ma in senso più ampio sulla cultura imprenditoriale e del lavoro che caratterizza un territorio.

Sebbene infatti Secondo un’indagine condotta da InfoJobs entro il 2020 lo smart working sarà realtà per il 51% delle aziende italiane, secondo la stessa direttrice dell’Osservatorio Smart Working “Nelle grandi imprese si nota una forte crescita. Lo Smart Working invece stenta a decollare tra le PMI, in cui permane uno zoccolo duro di disinformazione e resistenza culturale, e nella PA dove, nonostante lo sforzo normativo e le scadenze fissate dalla legge Madia, lo Smart Working resta nei fatti un fenomeno di nicchia”.

CONFERMA LA TUA PRESENZA!
L’incontro è gratuito previa iscrizione su Eventbrite a questo link: http://bit.ly/2JoQJ2J

Leave comments

Your email address will not be published.*



You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Back to top